Search for content, post, videos

Consigli e ricette post abbuffate natalizie

Natale è sinonimo di famiglia, solidarietà, condivisione, senza dimenticare che il simbolo delle feste è
rappresentato dal cibo, con cui però spesso si esagera! Come tutti gli anni in seguito alle grandi abbuffate natalizie ci si ritrova a gennaio con qualche chilo in più. Cosa fare quindi per ritrovare la forma fisica persa? Sicuramente movimento e attività fisica, in quanto durante le feste si trascorre la maggior parte del tempo seduti. Ma soprattutto quel senso di gonfiore? Ecco a voi alcuni consigli post abbuffate preziosi, da seguire nel periodo dopo le feste.

Durante i pasti natalizi abbiamo esagerato con carboidrati, grassi, sale e zuccheri semplici, nutrienti che se consumati in maniera abbondante contribuiscono all’aumento della massa grassa, e possono causare gonfiore e un eccesso di sostanze nocive.

Cosa fare dopo le abbuffate

Dopo le feste la prima cosa da fare è integrare l’alimentazione con cibi che possano aiutare il fegato che è un organo importantissimo per l’organismo, poiché interviene nel metabolismo degli alimenti, dei farmaci, delle tossine e più in generale di qualsiasi cosa venga introdotta nel corpo umano. La sua funzione è stata messa a dura prova durante i pranzi e i cenoni, e le abbuffate in generale.

Tra gli alimenti più indicati per depurare il fegato e stimolarne la funzionalità detossificante dopo le abbuffate, ricordiamo:
– spremuta di limone: ricca di acido ascorbico (vitamina C), depura efficacemente il fegato, ma può causare qualche problema a chi soffre di gastrite;
– carciofo;
– cardo mariano;
mela;
– mirtillo;
– cavolo;
olio extravergine di oliva crudo (ovviamente senza esagerare con le dosi).

Possiamo arricchire i nostri piatti con spezie dalla potente azione antinfiammatoria, quali curcuma, pepepeperoncino, ideali da aggiungere all’olio che si utilizza per condire, in quanto favoriscono il dimagrimento aumentando la combustione dei grassi e riducendo l’infiammazione dei tessuti.

In generale, possiamo utilizzare carboidrati integrali, poiché contribuiscono ad aumentare la quota di fibra aumentando anche il senso di sazietà. Altrettanto preziosi sono gli alimenti ricchi di vitamine A, E e C, e di Ferro e Zinco che sostengono il fegato.

Dieta detossificante post abbuffate

Una buona dieta detox post abbuffate si basa su frutta, verdura, cereali integrali, oli e semi oleosi. La stagione invernale ci viene incontro in quanto ci offre frutta che depura l’organismo come:

  • Arancia: un vero e proprio concentrato di vitamina C, che contribuisce sia alla purificazione dell’organismo sia al rafforzamento delle difese immunitarie.
  • Pompelmo: la sua peculiarità, tra gli agrumi, è il fatto che contiene provitamina A, C, D, B1, P, per questo si rivela molto utile nella dieta poste feste per la sua azione anti-colesterolo.
  • Kiwi: un concentrato di vitamina C che protegge il corpo dagli effetti dei radicali liberi, ritardando l’invecchiamento. L’acido ascorbico contenuto nel kiwi è in grado di trasformare il colesterolo in sali biliari.
  • Ottime anche le crucifere (broccoli, cavolo, verza, cavolo romano…), che sono ricche di vitamine, sali minerali, fibre e sostanze antitumorali. In particolare, nella dieta purificante invernale non può mancare il cavolfiore.
  • Fondamentale per le sue proprietà depurative è anche il carciofo che favorisce la diuresi e abbassa i livelli di colesterolo “cattivo”.
  • Finocchi: consigliati per un’azione specifica sul gonfiore addominale; crudi, cotti o anche come ingredienti delle tisane.

Molto ricco di antiossidanti è poi lo zenzero, che aiuta anche in caso di nausea e vomito, regola la quantità di zuccheri nel sangue e migliora la digestione.

Verdure, legumi e germogli per le abbuffate

Vi consiglio quotidianamente di assumere verdura, legumi e germogli a volontà, soprattutto dopo le abbuffate: questi alimenti, infatti, soprattutto se di stagione, sono preziosi alleati del nostro corpo, in particolare dopo un periodo di scompensi alimentari come le feste. È importante, a tal proposito, consumarle fresche e crude, oppure utilizzando metodi di cottura come quella a vapore che consentano di preservarne le caratteristiche nutrizionali.
Inoltre, dopo un periodo in cui si sono consumati molti insaccati, carne rossa, zuccheri, alcolici e grassi, bisognerebbe evitarli almeno per un po’ e preferire minestroni, carni bianche, pesce o fonti vegetali di proteine.

Per iniziare la giornata, invece vi consiglio di preparare estratti a base di frutta e verdura. Ecco a voi alcuni esempi di estratti detox:

  • una mela, due arance, uno yogurt naturale scremato
  • una mela, una carota, finocchio e zenzero (qui la ricetta)
  • una carota, una mela ed un terzo di barbabietola rossa
  • una carota, sedano e mela
  • un finocchio, sedano e carote

Per il pranzo e la cena è meglio preferire zuppe di verdure e legumi, come secondo piatto prediligere la carne bianca e il pesce accompagnata da un contorno di verdure.
Alcuni esempi di zuppe:

  • zuppa di fagioli e cavolo nero
  • minestra di carciofi
  • crema di finocchi e carote
  • vellutata di zucca e zenzero (qui la ricetta)
  • zuppa ai germogli di soia

Per la cena

A cena per stare leggeri possiamo consumare una bella insalatona come piatto unico, ricordandoci sempre di associare una giusta fonte proteica. Per esempio, delle insalate con:

  • lattuga, finocchi, pollo alla piastra e zenzero
  • radicchio, lattuga, salmone, e pomodori secchi
  • finocchi, arance e gherigli di noce.

Senza dimenticare che anche e tisane  possono arricchire la nostra dieta depurativa dopo le feste.
La stagione invernale è perfetta per il tè con cui godersi un momento di relax contribuendo allo stesso tempo ad eliminare le tossine. Un consiglio su quale scegliere? tè verde, ricco di antiossidanti e oli essenziali diuretici.

Un ottima tisana drenante invece è per esempio a base di tarassaco, cardo mariano, anice, foglie e fiori di biancospino, foglie di betulla e fucus, semi di cumino, di finocchio, melissa, bucco, equiseto, erniana, ginestrella, verga d’oro.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *