Search for content, post, videos

Culotte de cheval non ti temo!

La culotte de cheval è uno dei principali inestetismi, insieme alle “maniglie dell’amore”, combattuti dalle donne.

Difficile da eliminare, tant’è che risulta essere un problema che colpisce anche le più magre.

 

Ma cosa si intende per culotte de cheval?

La culotte de cheval  è uno strato di adipe che si accumula tra coscia e gluteo, allargando la silhouette fino a renderla sproporzionata. E’ rappresentata dai classici “cuscinetti”, generalmente accompagnati dalla presenza di cellulite.

Una delle principali cause che ne determina la comparsa, assieme alla ritenzione idrica, è il mantenimento di una postura errata causata dall’utilizzo di scarpe con il tacco alto, così come la presenza di una cattiva circolazione dovuta al mantenimento di posizioni statiche (ad esempio, stare sedute per molto tempo alla scrivania).

Queste posizioni, infatti, determinano una forte tensione muscolare sul compartimento esterno della coscia. Inoltre, a causa della ridotta circolazione sanguigna, vi è un ristagno di fluidi che determina l’insorgenza della cellulite proprio nella zona tra coscia e gluteo, formando la famosa culotte de cheval.

Come possiamo combatterla?

Un buon inizio sicuramente è quello di alternare i tacchi vertiginosi a calzature più basse ed effettuare delle pause alzandosi dalla scrivania.

Ma se siete amanti dello sport la culotte de cheval sul vostro corpo avrà vita breve! Il consiglio è quello di abbinare esercizi di tonificazione per i glutei e per l’esterno coscia ad un lavoro aerobico. La corsa, ad esempio, è in grado di aumentare la frequenza cardiaca e riattivare un metabolismo assopito. Diventa ancora più efficace se la si unisce ad un programma di tonificazione specifico da eseguire come warm-up.

 

Esercizi consigliati

  • Squat side kick

In piedi, con le gambe alla larghezza delle spalle, effettuare uno squat. Nella fase di ritorno dallo squat, dopo aver disteso entrambe le gambe, effettuare un’alzata laterale a gamba tesa. Appoggiare il piede a terra e ripartire con l’esecuzione dello squat. Fare 15-20 ripetizioni per gamba prima di cambiare lato.

  • Alzate laterali a gamba flessa

In quadrupedia, effettuare delle alzate laterali a gamba flessa senza mai appoggiare a terra il ginocchio della gamba che lavora. Effettuare 15-20 ripetizioni per gamba prima di cambiare lato. Variante: posso eseguire le alzate a gamba tesa, mantenendo il piede a “martello”.

  • Affondi incrociati con slanci laterali

Effettuare un affondo laterale incrociato portando la gamba che andrà ad effettuare lo slancio laterale posteriormente alla gamba perno. Flettere le gambe in affondo laterale incrociato fino a toccare quasi con il ginocchio posteriore terra. Successivamente distendere le gambe effettuando, in contemporanea, uno slancio laterale con la gamba posteriore. Effettuare 15-20 ripetizioni per gamba prima di cambiare lato.

 

*Se voglio rendere più sfidante il mio allenamento, posso utilizzare per tutti gli esercizi proposti un elastico fitness, da posizionare alle caviglie per aumentare la resistenza.

Ed ora correte ad allenarvi e dite addio alla culotte de cheval!

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *