Search for content, post, videos

Pancia a palloncino e gonfiore addominale

A chi non è capitato di sentirsi la pancia gonfia come un palloncino soprattutto dopo aver commesso qualche sgarro alimentare di troppo?

A tal riguardo, abbiamo chiesto un parere ad un gastroenterologo di nostra conoscenza e fiducia in modo tale da poter fornire qualche semplice nozione su cosa si intenda per gonfiore addominale e qualche linea guida su quali possono essere i cibi consigliati o meno.

 

L’apparato digerente contiene numerosi gas (ossigeno, azoto, anidride carbonica, metano ed idrogeno) i quali derivano dall’ingestione di aria, da reazioni tra secreti acidi ed alcalini e dai processi fermentativi intestinali. Il loro volume varia da soggetto a soggetto e, nello stesso individuo, vi possono essere fluttuazioni differenti di giorno in giorno.

Il meteorismo, più comunemente definito come gonfiore addominale, è una condizione clinica dovuta ad un accumulo eccessivo di gas nel tratto digerente solitamente associato ad un senso di malessere e di distensione addominale.

Tale disturbo può essere anche sintomo di altre patologie quali: sindrome del colon irritabile, stipsi, intolleranze alimentari, dispepsia o disbiosi intestinale.

Il gonfiore addominale può essere correlato inoltre a condizioni psicologiche quali ansia, insonnia e depressione nonché a cattive abitudini igenico-alimentari, come ad esempio effettuare pasti frettolosamente, parlare durante il pasto, masticare gomme, eccedere nell’uso di bevande gassate e scelte alimentari scorrette.

Le scelte alimentari infatti, incidono moltissimo sul gas prodotto a livello intestinale poiché la composizione di alcuni alimenti provoca maggior fermentazione intestinale degli zuccheri e della cellulosa da parte della flora batterica (microbiota).

E’ necessario fare molta attenzione a cosa si sceglie di mangiare senza escludere dalla dieta alimenti salutari solo a causa della loro azione meteorizzante. Vediamo ora insieme quali sono gli alimenti consigliati e non.

Alimenti consigliati:

  • carne di tutti i tipi, sia rossa che bianca, proveniente da tagli magri e privata del grasso visibile;
  • pesce di tutti i tipi;
  • verdure, facendo attenzione a non eccedere con le brassicacee (vedi prossima sezione). In particolare, si consiglia il finocchio poiché modera le fermentazioni intestinali e favorisce l’espulsione dei gas;
  • frutta privilegiando melone, pere, mele, agrumi, ananas. In particolare, si consiglia il mirtillo per la sua azione antifermentativa e antiputrefattiva;
  • formaggi stagionati, latte delattosato, yogurt e kefir;
  • uova;
  • cereali variando tra grano, riso, mais, avena, miglio, grano saraceno, farro, kamut;
  • tisane ai semi di finocchio, aneto, cumino, menta.

 

 Alimenti consentiti con moderazione:

  • brassicacee (rape, verza, cavolfiore e cavolo), cipolle, cardi, aglio, peperoni;
  • latte e prodotti caseari freschi;
  • pane ben cotto, senza mollica o leggermente tostato, crackers, fette biscottate, meglio se integrali;
  • legumi (ceci, fagioli, lenticchie, ecc.);
  • castagne, frutta secca ed oleosa;
  • insaccati.

Alimenti da evitare:

  • bibite gassate;
  • mollica del pane, alimenti industriali molto lievitati compreso il pane in cassetta;
  • maionese o altre salse elaborate;
  • panna montata, frappè, frullati e altri cibi ricchi di aria;
  • dolci, chewing-gum, caramelle;
  • alimenti dolcificati con polialcoli (sorbitolo, mannitolo, xilitolo).

Regole comportamentali:

  • masticare lentamente mantenendo la bocca chiusa;
  • non parlare mentre si porta il boccone in bocca o si mastica;
  • evitare l’utilizzo della cannuccia per bere;
  • non coricarsi immediatamente dopo il pasto;
  • abolire o ridurre il fumo;
  • mantenere uno stile di vita attivo.

N.B.: I consigli forniti sono puramente indicativi e pertanto non devono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del proprio medico di riferimento, in quanto alcuni pazienti possono richiedere adattamenti della dieta sulla base della situazione clinica individuale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *