Search for content, post, videos

Quando mangiare sano non basta ma ci vuole l’allenamento

 

E’ ormai quasi ossessiva la ricerca sul web di un modo, qualsiasi, per poter rassodare gambe e glutei o dimagrire sull’addome. Diete bizzarre e restrizioni alimentari sembrano quasi più delle penitenze di vita che dei veri e propri piani alimentari strutturati da un professionista. Come dimenticare la dieta del melone o il beverone monogiornaliero.

Non mentire, anche tu hai pensato di farlo almeno una volta!

Per fortuna che dall’altra parte c’è chi ha decisio di recuperare mesi e mesi di inattività con ” ho ripreso ad allenarmi settimana scorsa e mi sto allenando tutti i giorni. Tre ore al giorno. A digiuno.”

Più dieta o più allenamento?

La risposta l’avrete sentita almeno una dozzina di volte ed è a favore della dieta. Tuttavia in questo articolo vi spiegherò perchè non è esattamente così.

Cos è quindi che influisce maggiormente sul dimagrimento e sul tono muscolare? La teoria e l’esperienza ci suggeriscono che l’alimentazione influisce per un buon 65-80% e che il restante 20-35% è determinato dall’allenamento. Se da una parte è pur vero che la dieta è molto vicina alla matematica, visto che per dimagrire è sufficiente che il risultato delle calorie ingerite sia inferiore a quelle bruciate, dall’altra parte perchè l’allenamento seppur di minore importanza teorica, avrebbe un potenziale nettamente superiore rispetto all’alimentazione?

 

Allenarsi per non essere “flaccidi”

Come dicevamo, in effetti dimagrire non è chissà quanto complicato, anche se a rendere complesso questo processo sono una serie di meccanismi legati al desiderio,psicologici o emotivi, che interferiscono in una normale logica legata alla riduzione delle calorie ingerite. Insomma, “sono cosciente che mangiare troppi carboidrati mi farebbe ingrassare, ma li mangio comunque perchè sto desiderando quella pizza e oggi sono particolarmente stressato!”

Una buona dose di disciplina e forza di volontà però permettono di superare questo ostacolo e nel giro di poche settimane il peso cala e si passa ad una taglia inferiore.

La dieta funziona eccome, ma cosa avrete ottenuto? Un corpo più snello, ma più flaccido. Questa eventualità è data da una parziale perdita di massa muscolare, che viene sacrificata se non stimolata insieme ai depositi di grasso. Nel caso di digiuno prolungato si può parlare addirittura di perdita importante di massa muscolare.

Quindi prima che arrivi la bella stagione e per sopperire a questo spiacevole inconveniente, vediamo insieme perchè l’allenamento è fondamentale e come è possibile dare tonicità ai muscoli “flaccidi”.

 

Allenarsi per essere tonici e non “flaccidi”

Ebbene si, l’allenamento è il modo principale per avere dei muscoli tonici ed una pelle bella e luminosa. Le ragioni si nascondono dietro al fatto che per stimolare la muscolatura è necessario

muoversi e muovere le articolazioni. La biomeccanica è uno stimolo determinante nel rendere il muscolo, un tessuto attivo.

Ecco perchè l’esercizio fisico è importante almeno quanto la dieta:

  • Un muscolo che lavora è un muscolo che ha una struttura di sostegno, che rispecchia a pieno un corpo bello e tonico.
  • Un muscolo per poter funzionare ha bisogno di una rete circolatoria importante e di conseguenza la vostra circolazione riprenderà a funzionare meglio e verranno generati addirittura nuovi capillari per rendere la vostra muscolatura ancora più efficiente.
  • Il lavoro muscolare richiede energia. Di conseguenza il vostro muscolo sarà reattivo ed efficiente nel richiedere le sostenze nutritive per poter lavorare al meglio. Quindi ad esempio, zuccheri e grassi, invece che depositarsi per non necessari, verranno captati dai vostri muscoli impedendo il deposito localizzato.
  • I muscoli non lavorano solo durante il movimento. Pensate ad una fabbrica e comprenderete quanto è complesso il sistema muscolare. Dopo un intenso esercizio i muscoli continuano a lavorare anche a riposo per recuperare, per riparare e migliorare. E’ proprio durante la notte che il sistema muscolare continua a lavorare sfruttando l’inattività di altri organi. E ricordate, ogni volta che si tratta di “lavorare per..” si parla di energia utilizzata.

 

A questo punto, riformulo la domanda.

Quanto è importante allenarsi secondo te?

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *